Menu

Storia

Nascita della Congregazione delle Figlie di Maria Ausiliatrice e loro presenza in Sicilia

La nostra storia nasce dal cuore innamorato di una donna, Maria Domenica Mazzarello che, da Mornese, nel lontano 1880 invia, a Catania, le prime tre suore: Sr.O. Camisassa, Sr.R.Cevennini, Sr.V.Piccono per la direzione dell’Istituto della Duchessa Carcaci e il 15 ottobre dello stesso anno, partono, alla volta di Bronte, un altro gruppo di suore e due novizie capeggiate da Sr.Felicina Mazzarello per assumere la direzione di un collegio per giovinette, scuola elementare, laboratorio e oratorio festivo.

L’anno successivo, dopo le trattative e la richiesta espressa dal Card. Dusmet a D.Cagliero, partono, verso Trecastagni, Madre Maddalena Morano con due professe e una novizia. L’opera di cui si deve assumere la direzione è il “Conservatorio delle Vergini”. Arrivarono in Sicilia il 15 settembre 1881.
Maddalena Morano, formata alla scuola di Maria Domenica Mazzarello, rese possibile l’ampliamento dell’Ispettoria, l’inizio di opere a favore delle giovani operando così, affinché le radici di questo grande albero, fossero profonde e i frutti fossero abbondanti. Durante il ventennio trascorso in Sicilia si moltiplicarono le case e le vocazioni: Catania, Alì, Marsala, Vizzini, Barcellona, Modica, Altofonte, Palagonia sono alcune delle realtà fondate da Madre Morano. Il suo “Da mihi animas, coetera tolle” non conobbe limiti; politici ed ecclesiastici ne apprezzarono l’opera e la collaborazione. Numerose furono le difficoltà degli inizi, dovute sia all’azione degli anticlericali, sia al nuovo stile di vita religioso ed educativo proposto dalle FMA.
Durante il decennio 1883-1910, l’Ispettoria comprende anche alcune case della Tunisia. Il 7 febbraio 1908 viene eretta canonicamente e conta la presenza di 18 case e 186 suore, di cui 81 provenienti dal Nord e dalla Tunisia e 104 siciliane. Il piccolo seme continua a dare frutti a tal punto che nel 1945 bisogna dare origine ad una seconda Ispettoria “Madonna della Lettera” con sede a Messina. Il terreno è fertile e dà altri frutti. Nel 1970 viene eretta la terza Ispettoria “Madre Morano” con sede a Palermo. Si ripensa la distribuzione delle case sia per superare i problemi legati alle distanze e al numero delle suore, sia per favorire all’interno un più agile coordinamento pastorale. Problemi di ordine pratico suggeriscono una nuova riorganizzazione. Viene soppressa l’Ispettoria “Madonna della Lettera”(ME) e rimangono le ispettorie “S.Giuseppe” e “M.Morano“.
Per un “Da mihi animas” sempre nuovo ed efficace, il 13 Settembre 2003 dopo un cammino di unificazione delle due realtà viene formata un’unica ispettoria Sicula “Madre Maddalena Morano”.
Oggi l’ispettoria “M.Maddalena Morano” è costituita da 31 case e 473 suore: un potenziale intrecciato di saggezza e di freschezza giovanile, che da vita ad una missione giovanile molteplice e vivace.

X